Tornare all'elenco

A testa alta: sostenere il giardino con i tutori

Avere un bel giardino fiorito e goloso presuppone ovviamente un'attenta coltivazione, ma non solo. Sostenere le piantine con dei tutori, in particolare quelle fragili, è fondamentale per facilitarne lo sviluppo e la fioritura. Si tratta quindi di un'operazione che va di pari passo con la posa nel terreno. Uno dopo l'altro, rami di alberi da frutto, piantine di pomodori, asparagi... cresceranno verso l'alto e nella giusta direzione, per offrirvi sempre il loro profilo migliore.

Un buon portamento, in ogni situazione

Avere dei bei fiori o degli ortaggi con la "o" maiuscola è utile e gradevole, ma a condizione che le piante non si spezzino al minimo soffio di vento. Assicurare un buon sostegno grazie a dei tutori è quindi fortemente consigliato. Evitate invece di sostenere ogni singolo fiore per non irrigidire eccessivamente le vostre composizioni. Per mantenere l'estetica della pianta, privilegiate il sostegno di gruppi di gambi. Attenti a non far crescere una foresta di tutori in giardino: il troppo stroppia!

L'arco da piantare Chelsea è perfetto per sostenere le piante più vivaci.  Inseritelo nel terreno e il gioco è fatto.

Per un tocco di raffinata eleganza, potete invece investire in un tutore decorativo. Guidate le vostre rampicanti in vaso con un tutore a scala, che sarà sufficiente piantare nel terreno, o con un archetto in bambù o PVC.

Per i giardini, vi consigliamo un tutore in cocco o in bambù decorativo. Il sostegno di questi tutori sarà di giovamento per le vostre piante.

  • A testa alta: sostenere il giardino con i tutori

    I tutori in acacia (ideali per le piantine di pomodoro), in acciaio plastificato, bambù plastificato o naturale, dovranno essere inseriti nel terreno prima di colmare il buco della coltivazione, una volta collocati l'arbusto o la piantina. Installateli il più verticalmente possibile, dal lato dei venti dominanti, in modo da non danneggiare le radici degli alberi. Infine, comprimete bene la terra e annaffiate. Non dimenticate di sostenere anche il tronco o i rami con un fissaggio flessibile, incrociando le due estremità del legaccio tra il tutore e il tronco.

    La maggior parte dei tutori può essere usata per più anni se avrete cura di riporli durante la pulizia delle aiuole in autunno. Per i tutori in fibre naturali, eliminate ogni traccia di vegetazione secca o ancora verde. Eliminate anche il resto della terra, una volta asciutta, con una spazzola a setole dure e irrorate con una soluzione di acqua e candeggina. In questo modo, neutralizzerete qualsiasi eventuale fonte di ulteriore contaminazione. Un gesto semplice ma salutare!

    Bastano pochi semplici accorgimenti per ottenere il massimo dal nostro bel giardino. Etichettato, variopinto ed elegante, sarà uno spettacolo di sorprese floreali!

?>